www.stone-ideas.com

Miscellanea

(Gennaio 2010) Latest news: Stonetec fair, which will take place from April 6th to 9th, is offering visitors from overseas free accommodation for two nights in an economy hotel according to a mail by the organizers. For information contact Kevin (Mail). He requests that readers identify themselves by mentioning: „We got the information from BusinessStone.com„.

Un’esposizione su pietra ed acqua la mostra la scuola di scultura a Pecchia nel Ticino svizzero, ancora sino alla fine del 2010. Da vedere sono, tra le altre cose, giochi d’acqua artistici sulla pietra.

Noi sfruttiamo l’occasione di guardare nella rete per vedere come gli artisti hanno presentato l’argomento acqua con l’impiego della pietra.

Il britannico Hamish Horsley pone verticalmente vicino tra loro piccole lastre di pietra e, prontamente, nasce l’impressione dello scorrere in una direzione. Lo stesso effetto lo sfrutta Andy Goldsworthy per il suo muro nel centro di Londra.

Onde o gocciole sono un argomento caro per gli scultori. Degli esempi li abbiamo trovati, di nuovo, da Hamish Horsley, ed anche dalla brasiliana Renata Barcelos oppure dal tedesco Michael M. Heyers.

Onde in modo astratto rappresentano le panche in pietra, le quali sono state postebdalla ditta norvegese Jogra davanti al museo delle scienze di Bergen.

Con questo siamo arrivati allo scorrere in senso figurativo. Qui l’arte del passato offre molteplici esempi: Michelangelo poneva la barba di Mosè in forma ondulata e dalla Nike antica nel Louvre sono gli abiti fluttuantio.

Salto nel tempo: un allestimento attuale di pietra ed acqua è stata creata nel 2006 per la Place de la Bourse a Bordeaux (vido sotto). Lì si trova un grande piano di granito sul quale vi sono due cm di acqua. Con l’illuminazione notturna si creano dei bei riflessi, di giorno i passanti ed i turisti si rinfrescano i piedi.

Non solo questo: dopo un pò di tempo sulla superficie l’acqua ritorna in una vasca sotterranea dove si raffredda. L’acqua viene nuovamente pompata in superficie attraverso delle fessure poste nelle lastre di pietra e grazie a 900 ugelli che poi creano una nebbia alta fino a 2 m. L’impianto è in funzione quotidianamente dalle 10:00 alle 22:00.

Il concetto è stato sviluppato dall’artista parigino per fontane Jean-Marc Llorca, dall’Architetto paesaggistico Michel Corajoud e dall’Architetto Pierre Gangnet. Hanno optato per il granito, perché volevano „un materiale nobile per una delle più belle piazze di Bordeaux” cosi scrive l’Amministrazione Comunale con una e-mail a BusinessStone.com, e perché la pietra è presente in tanti luoghi della città.