www.stone-ideas.com

Mercati: calore con pietra e corrente

(Gennaio 2010) Un innovativo riscaldamento a pavimento arriva dalla ditta portoghese Granisintra: „Stonecell“, così è il nome e combina la pietra naturale come accumulatore di calore con la corrente elettrica come supporto energetico.

Il sistema ha tre componenti. Uno sono dei moduli di plastica (40 cm x 40 cm e 4 mm), che vengono posati a terra. Dentro di loro, come secondo componente, vengono inserite le bobine di riscaldamento che portano corrente elettrica. Sopra si collocano le piastrelle di pietra naturale come terzo componente. Le marmette vengono tenute incastrandole nei moduli di plastica, i quali possono essere a loro volta avvitati a terra. Un nastro di alluminio fa si che il calore si diffonda in modo omogeneo su tutta la marmetta.

Rispetto ai tradizionali riscaldamento a pavimento, nei quali scorre acqua calda attraverso dei tubi sotto il pavimento, questo sistema ha il vantaggio che un’abitazione si riscalda molto prima. Circa 15 minuti dopo l’accensione si raggiungerebbe una temperatura ambientale normale, così secondo il produttore. Si può accelerare con più bobine di riscaldamento poste nei moduli.

Un ulteriore vantaggio è che i componenti possono essere posati in modo molto semplice e veloce. Anche l’applicazione su un muro è possibile. Inoltre, il sistema può essere smontato e nuovamente installato altrove. E se si rompe una marmetta questa può essere cambiata togliendola dal lato.

Attualmente è in corso una procedura per brevettare il prodotto. I test fatti dal Laboratorio Nazionale del Portogallo (LNEC) erano, secondo le informazioni fornite dalla ditta, un successo. Fino ad ora Granisintra ha venduto circa 5.000 m² di „Stonecell” e lo sta utilizzando nei propri uffici e nei corridoi da circa cinque anni. Due dei componenti, cioè le marmette di pietra e le bobine di riscaldamento, si trovano normalmente in commercio; soltanto i moduli in se sono stati sviluppati da Granisintra.

„Stonecell” ha un punto debole: consiste nel fatto che non è ecologicamente conveniente riscaldare con la corrente elettrica. Perché nella produzione di questo tipo di energia, per così dire più nobile, si disperde tanta dell’energia primaria utilizzata. Per questo il nuovo sistema dovrebbe trovare, probabilmente, il suo mercato più grande in paesi con un clima caldo, dove rappresenta l’alternativa migliore al riscaldare con i condizionatori.

Granisintra ha la sua sede in Pero Pinheiro, che si trova nelle montagne dietro la città di Sinora, e dista circa 30 km dalla capitale di Lisbona. Dal 1989 l’impresa lavora con i graniti, dopo si sono aggiunti altri tipi di pietra.

Granisintra

Foto: Granisintra