www.stone-ideas.com

Design: cose belle per l’esterno (3)

(Giugno 2011) Sicuramente una cosa straordinaria è un impianto per il minigolf costruito su un terreno privato. La ditta spagnola Arriaga Stone ha costruito un sito sportivo per una persona privata nel cortile del suo giardino. Sulle corsie è stata posata la pietra calcarea Jerusalem Gold, creando anche dei bordi rialzati. I punti di partenza e di arrivo per il gioco sono dei cerchi che sono stati eseguiti con la Sodalite Blue.

I dettagli meritano particolare attenzione, così per esempio gli ostacoli o i passaggi che deve fare la pallina durante il suo percorso verso la meta, lavorati nella pietra. Per dare un aspetto anticato all’impianto, la superficie della pietra è stata lavorata di conseguenza.

Arriaga Stone

Foto: Arriaga Stone

„Tête-à-tête“, così Ueli Gantner chiama la sua panchina, è il nome è proprio azzeccato: due persone stanno sedute una di fronte all’altra, e contemporaneamente si avvicinano. A prima vista questo dettaglio dello scultore e creativo 3D svizzero sembra facile da eseguire. Guardando meglio però si nota che per tanti dettagli bisognava trovare delle soluzioni.

Per nominarne soltanto qualcuno: i tubi per le sedute e per gli schienali devono essere, per motivi di comodità, assolutamente paralleli, cosa che crea delle esigenze particolari al foraggio. Oppure: visto che i tubi devono essere incollati con la pietra, dev’essere possibile di eliminare la colla di troppo – per questo motivo Gantner ha optato per la superficie a punta. La faccia frontale dev’essere, invece, la più liscia possibile, in modo che la persona seduta ci appoggia volentieri il braccio.

Il materiale del prototipo era il Maggia Granito. La pietra è, vista da davanti, alta 90 cm, profonda 65 cm e in mezzo ha una larghezza tra i 25 e i 30 cm. Il tutto pesa circa 360 kg. I tubi sono stati fatti in acciaio cromato levigato. Con il titolo semplice „bank“ (panchina), viene offerta anche una combinazione con più sedute. L’artista si è fatto proteggere il design.

Ueli Gantner (tedesco)

Foto: Ueli Gantner

„Green & Stone“ è stato, l’anno scorso, il motto del progetto New Stone Age Design durante la fiera edilizia internazionale, Saie, a Bologna. Di quei lavori nei quali il designer Francesco Lucchese si era occupato di piante avevamo rapportato nella nostra edizione di gennaio.

Quì ulteriori idee di Francesco Lucchese:

„Contemplazione“, così ha chiamato la panchina con il portabici integrato. Con dei moduli solari viene creata l’energia per l’illuminazione sotto la seduta. La pietra è la Pietra Dolomita, il produttore era Bonvecchio Marmi.

Bonvecchio Marmi

„XYZ“ si chiamava un oggetto di arredo urbano con tre funzioni: seduta, tavolo e posto per l’illuminazione. L’intenzione era quella di invitare al riposo, al mangiare o anche al lavoro con il computer. Sono stati utilizzati diversi tipi di pietra. Il produttore era Marmi Ghirardi.

Marmi Ghirardi

„B-Play“ era il nome di un cubo che, quando qualcuno si adagia su di esso, fa suonare la musica. Un luogo di impiego per esso potrebbero essere anche i musei o le gallerie. Il materiale era il marmo Bianco Carrara. B-Stone ha prodotto il prototipo.

B-Stone

Foto: Francesco Lucchese