www.stone-ideas.com

Mercati: ricevere tutti i giorni un „Hug“, un abbraccio, dall’ abitazione

(Settembre 2011) In che modo si riflette sull’edilizia e sull’architettura degli interni il fatto che in tanti paesi è in aumento la quota degli anziani rispetto alla popolazione complessiva? Le risposte si possono dare facilmente: le nuove costruzioni per l’edilizia privata saranno in diminuzione mentre ci saranno più rinnovamenti. Complessivamente, questo potrebbe portare delle nuove opportunità per le pietre naturali.

Diamo un occhiata ai dati. Nei paesi industrializzati nascono meno bambini mentre l’aspettativa della vita è più lunga che mai. Gli statistici hanno riassunto lo sviluppo per 31 stati in Europa in una tabella riportata sotto: secondo la statistica, nell’anno 2060 un tedesco su tre avrà minimo 65 anni! Attualmente lo è uno su sei. Espresso in percentuali, la quota degli anziani aumenterà dal 17% arrivando al 30%.

Per le persone di 80 anni e oltre è simile: la loro quota aumenterà dal 5% al 12%.

Questo sviluppo varia però da paese a paese. Questa tendenza riguarda comunque tutti i paese in Europa. In America e in Australia si sta verificando lo stesso sviluppo, e sta iniziando anche nel Sudamerica. Addirittura in Cina sta aumentando la quota degli anziani rispetto alla popolazione, qui il motivo è la politica del figlio unico degli ultimi decenni.

Nota bene: I cambiamenti non si noteranno dall’oggi al domani, ma emergeranno lentamente nel corso dei prossimi 50 anni. Il settore si può comunque adeguare già ora su questo andamento.

La conseguenza è: ci saranno costruzioni private. Gli anziani non costruiscono più delle case nuove.

Intanto aumenteranno però le costruzioni di case residenziali per anziani. Le migliori tra di loro si presentano come degli alberghi, cosa che comporta una richiesta di pietre naturali.

Viceversa però aumentano le modernizzazioni. Perché i proprietari di case o di appartamenti con un età intorno ai 55 anni affrontano un ulteriore periodo di costruzione: essi sottopongono il proprio immobile ad una rivalutazione mirata all’invecchiare. Quando si parla con questi committenti delle sue motivazioni si sente spesso una frase: „Questo è l’ultimo grande progetto che prendo ora in mano. dopo voglio godermi un bel ambiente.“

Il motivo è ovvio: in quella età già si sente che si passerà, in futuro, più tempo a casa rispetto a prima. In più vale: gli anziani vogliono rimanere nella propria casa anche quando arriva quella fase della vita con le limitazioni, limitazioni per esempio nella mobilità o nella vista. Questo lo confermano tutti gli intervistati.

E’ notevole che con gli anni che passano si identifica, ancora più di prima, l’abitare con il benessere. Gli anziani vogliono trarre piacere da quello che li circonda – l’abitazione deve dargli, per così dire, ogni giorno un „Hug“, un abbraccio. Forse questo fatto è collegato alla perdità dell’attività lavorativa.

In questo modo, l’abitazione diventa praticamente una specie di compagno per i prossimi due o tre decenni, e non soltanto un conoscente per qualche anno.

Questo fatto apre delle nuove opportunità per le pietre naturali nell’architettura per interni, visto che il materiale viene considerato di alto valore. Già oggi arrivano sempre più ditte con marmette o creazioni interessanti in pietra sul mercato.

Le pietre naturali saranno amate anche perché gli anziani apprezzano i materiali naturali. I materiali sintetici avranno, con loro, meno opportunità.

La pietra abbandona, in questo caso, il suo ruolo tradizionale di materiale per l’edilizia e diventa un materiale decorativo. Anche nell’ambito del design dei prodotti si apriranno dei mercati nuovi per degli oggetti belli e di vita lunga che accompagneranno i loro proprietari per tanti anni.

Una questione interessante è la lunga durata che è tipica della pietra naturale. E’ possibile che la pietra viene considerata giovane, proprio perché è così vecchia? Una tale affermazione non è sensata, se valutata in modo razionale. Essa potrebbe però funzionare come messaggio pubblicitario, proprio perché tocca soltanto una parte emozionale.

Vogliamo accennare anche a altri due aspetti. L’engineered Stone avrà delle buone opportunità, perchè gli anziani sviluppano, spesso, una mania per quel che riguarda la salute. Loro si interessano per quei materiali che vengono promossi con la promessa di tenere lontano i microbi.

Gli anziani desiderano, inoltre, un ambiente più caldo dei giovani, questo almeno nelle zone climatiche temperate e fredde. In questo aspetto potrebbe esserci un’opportunità per le pietre calcare perché danno l’impressione del calore,

Non sappiamo, se gli anziani nel caldo sud preferiscono la freschezza. Se è così, là dovrebbero andare meglio i graniti e i marmi lucidi.