www.stone-ideas.com

Arte: attraverso una camminata a lunga distanza nella scultura

(Ottobre 2011) Gli artisti sostengono spesso che una scultura di pietra sarebbe praticamente già presente nel masso grezzo – lo scultore la dovrebbe, in un certo senso, soltanto far emergere. Questa espressione viene attribuita, comunque, a Michelangelo.

Al confronto di questo aspetto l’americano Marc Carroll è di un’obbiettività rinfrescante. Questo approccio inizia, per esempio, con il fatto che vuole dare, nel caso delle sue opere in Onice, soltanto una piattaforma al materiale („La bellezza della stessa pietra di Arizona diventa il tema qui, la forma è secondaria”), continua con il suo entusiasmo che comprende anche delle forme basate sulla matematica („Mi piace la perfezione della geometria “) e va fino alle opere commissionate dove lui stesso fornisce il pezzo ordinato al cliente, glielo posiziona e gli da dei suggerimenti per la cura.

I genitori di Carroll erano artisti, il padre modellava figure per le chiese, la madre era una pittrice di paesaggi. Lui ha studiato arte e il mestiere degli attori e ha lavorato come insegnante di arte. Un’ulteriore stazione durante il suo iter professionale era il lavoro per un museo delle scienze, dove ha ricostruito, per esempio, l’uccello preistorico archeooperyx da ritrovamenti fossili. Per l’industria dei giocattoli ha lavorato come ricercatore di modelli nuovi.

Determinanti per il suo sviluppo artistico erano le due camminate a lunga distanza attraverso il Appalachian Trail sulla costa orientale degli USA. Questo famoso sentiero escursionistico si snoda sulle alture degli Appalachi attraversando 14 stati federali USA, dalla Georgia fino a Maine. Alcune persone, chiamate „thru-hikers“, fanno tutto il percorso di 3500 km in un periodo unico nel corso di 5 mesi – così anche Carroll.

Questa esperienza con la natura avrebbe determinato il suo occhio per le forme ed i materiali, così dice. Se si guarda bene cosa la natura fa con il vento e cosa fa l’acqua con la pietra, allora si vede in che modo bisogna fare delle sculture, questo è il senso delle sue parole.

Dopo è andato a vivere in Arizona dove ha messo il suo The Sculpture Studio. Ormai ha alle spalle ben 30 anni di lavoro come insegnante di arte e come artista.

Anche se lui si avvicina al suo lavoro completamente senza dogma, vuole comunque che l’artista lavori liberamente, secondo Henry Moore „fedele al materiale“. „Bisognerebbe lasciar alla pietra l’aspetto della pietra, con tutte le sue particolarità”, scrive.

The Sculpture Studio

Appalachian Trail

Foto: The Sculpture Studio