www.stone-ideas.com

Chelsea Flower Show: un giardino in una pietra, invece di una pietra in mezzo ad un giardino

Antithesis of Sarcophagi di Martin Cook, Gary Breeze, Chris Holland.

Alcuni artisti hanno usato un blocco di granito alla mostra più importante dell‘Inghilterra per far vivere ai visitatori un’esperienza del verde del tutto nuova

I blocchi di granito sono popolari nell’ arredo degli spazi verdi, per esempio come panchine. Al Chelsea Flower Show di Londra c’era quest’anno qualcosa di completamente nuovo da vedere: i due artisti Martin Cook e Gary Breeze avevano posizionato un enorme blocco con una lunghezza delle coste corrispondente a 2,6 m in mezzo a della graniglia di granito.

Ma il giardino dov’era in questo caso?

Il giardino si trovava all’ interno della pietra. Si potevano vedere delle piante composte dall’ architetto paesaggistico Chris Holland, visibili soltanto attraverso dei forellini nella pietra che non erano neanche facili da individuare.

I due artisti Martin Cook e Gary Breeze avevano posizionato un enorme blocco con una lunghezza delle coste corrispondente a 2,6 m in mezzo a della graniglia di granito.

Le persone disposte ad accettare il tempo di attesa a volte veramente abbastanza lungo raccontavano dopo di un’esperienza particolare: il verde visto schermato dalle pareti fisse e non superabili all’ interno del blocco sarebbe stato come la bellezza maestosa del mondo delle piante terrestri improvvistamente visto con occhi diversi.

L’istallazione con il titolo Antithesis of Sarcophagi (Antitesi del sarcofago) ha ottenuto la medaglia d’oro nella categoria Best Fresh Gardens, nella quale si tratta di creazioni fuori dal comune.

Si potevano vedere delle piante composte dall’ architetto paesaggistico Chris Holland, visibili soltanto attraverso dei forellini nella pietra che non erano neanche facili da individuare.

Una particolarità del blocco è anche che non è stato assemblato dalle solite lastre grezze di crosta, ma che è stato svuotato un blocco a massello di 44t. Le pareti hanno uno spessore di 20 cm, quindi il blocco pesa ancora 15 t. Il materiale proviene da una cava in Portogallo.

Il blocco è aperto verso l’alto. L’architetto paesaggistico Chris Holland è andato su e giù per una scala per diverse ore per impiantare il giardino nell’ interno.

Su un lato esterno sono stati spruzzati dei segni strani che potrebbero essere lettere di una civilizzazione sconosciuta.

Su un lato esterno sono stati spruzzati dei segni strani che potrebbero essere lettere di una civilizzazione sconosciuta.

Sponsor dell’istallazione era la ditta The Marble & Granite, che aveva già vinto nel 2013 un premio principale con „The Mindfulness Garden“ (Giardino della contemplazione) di Martin Cook e Chris Holland.

L’istallazione ora è in vendita. Gli ideatori sperano che essa rimanga conservata come opera d’arte.

Il Chelsea Flower Show è il più famoso degli 11 eventi della Royal Horticultural Society. Anche quest’anno sono state utilizzate tante pietre naturali. Un altro esempio straordinario era il Telegraph Garden, creato da Andy Sturgeon per il quotidiano con lo stesso nome. Quest’anno Sturgeon si era dedicato alle forze della geologia: Con vari materiali, tra i quali 80 t di pietre naturali, ha rappresentato la tettonica e in che modo quest’ultima plasma il paesaggio. Il suo lavoro ha ricevuto il premio principale nella categoria Best in Show.

Antithesis of Sarcophagi (Video)

Martin Cook

Gary Breeze

Chris Holland

The Marble & Granite Centre

Royal Horticultural Society

Foto: hp4pr

(da sinistra verso destra) Stephen Pike, Managing Director di The Marble & Granite Centre, Gary Breeze, Martin Cook, Chris Holland, Matt Cook (figlio di Martin Cook).

(26.07.2016)