www.stone-ideas.com

Ristrutturazione della Governors Island: massi di pietra provenienti dal molo come scorciatoia alla cima degli Outlook Hills

West 8 Urban Design and Landscape Architecture: „The Hills“, Governors Island.

Con le 4 nuove colline degli architetti dello studio West 8, l’isolotto davanti a Manhattan si è trasformato in parco divertimenti

Le persone presenti durante l’apertura in anteprima all’inaugurazione nel luglio 2016 dicono che i massi in pietra sarebbero stati posizionati in modo che non si possa fare a meno che arrampicarsi.

Stiamo parlando del nuovo Outlook Hill sulla Governors Island davanti a Manhattan. La sua altitudine di ben 27 m la si può raggiungere tramite un consueto percorso asfaltato, oppure si può prendere la scorciatoia arrampicandosi sui massi di pietra.

Salendo attraverso questo fiume di pietra sulla collina si permette a chi lo fa di giocare con la propria fantasia: i massi facevano parte del molo della Governors Island.

Salendo attraverso questo fiume di pietra sulla collina si permette a chi lo fa di giocare con la propria fantasia: i massi facevano parte del molo della Governors Island, e i pezzi con le forme regolari erano visibili dalla parte dell’acqua, mentre gli altri facevano parte della massa posizionata dietro la barriera.

Quattro colline con altezze diverse sono state erette come parte centrale della ristrutturazione dell’isola per farla diventare un parco di divertimento per gli abitanti di New York e per i turisti.

Quattro colline con altezze diverse sono state erette come parte centrale della ristrutturazione dell’isola per farla diventare un parco di divertimento per gli abitanti di New York e per i turisti. L’isolotto originariamente brullo e completamente pianeggiante ora offre dei sentieri, dei prati per riposare, qualche scivolo di lunghezza notevole e, non per ultimo, una panoramica fantastica a 360° sulla Liberty Island con la Statua della Libertà, Ellis Island, dove arrivarono una volta gli immigranti, la costa del New Jersey, di fronte il porto di Brooklyn e al centro la skyline di Lower Manhattan che arriva fino al cielo.

Una particolare geotecnica mette le scarpate in sicurezza. A questo si aggiunge un impianto di verde sofisticato con 860 alberi e più di 41.000 cespugli.

Le colline sono state costruite, fra le altre cose, con detriti di edifici dell‘Island, scorie provenienti da alti forni del New Jersey e pietra pomice leggera. Una particolare geotecnica mette le scarpate in sicurezza. A questo si aggiunge un impianto di verde sofisticato con 860 alberi e più di 41.000 cespugli.

Tuttavia, l’obbiettivo dei progettisti paesaggistici di West 8 Urban Design and Landscape Architecture non era quello di creare una Disneyland. Gli architetti paesaggistici volevano invece creare un paesaggio seguendo quello naturale, scegliendo le piante sulla base del microclima del posto, resistenti anche all’acqua salina di spruzzo e che forniscano, con il loro apparato radicale, protezione agli edifici e al resto dell’isola anche dalle tempeste.

I bordi bianchi di cemento dei sentieri asfaltati evidenziano comunque che si tratta di colline artificiali e segnano il paesaggio con delle linee chiare.

I bordi bianchi di cemento dei sentieri asfaltati evidenziano comunque che si tratta di colline artificiali e segnano il paesaggio con delle linee chiare.

Il lungomare di 2,2 miglia è ora nuovamente a disposizione di pedoni e ciclisti. Ancora nel 2014 erano stati consegnati al pubblico i campi sportivi e i parchi gioco.

Un’attrazione sulle colline è l’opera d’arte „Cabin“ (capanna) di Rachel Whiteread: l’artista ha utilizzato l’interno di una semplice capanna di campagna come stampo con il cemento e l’ha posizionata sul Discovery Hill.

Un’attrazione sulle colline è l’opera d’arte „Cabin“ (capanna) di Rachel Whiteread: l’artista ha utilizzato l’interno di una semplice capanna di campagna come stampo con il cemento e l’ha posizionata sul Discovery Hill. L’intenzione è quella che l’arte dovrebbe essere coperta con il tempo dalla vegetazione. Tutto intorno sono state distribuite delle fusioni in bronzo di rifiuti.

I visitatori, così si evince dall‘ anteprima, richiamano alla memoria, vedendo la capanna in cemento, Henry David Thoreau, il quale si era ritirato nel 1845 per 2 anni a Newengland in un simile rifugio per vivere lì in armonia con la natura.

In alcuni brani del suo libro famoso „Walden ovvero Vita nei Boschi“ aveva annotato con sospetto, che in certi momenti passava la ferrovia nelle vicinanze.

Le nuove colline sull’isola sono state disposte in modo che possano resistere anche ad un innalzamento del livello del mare a causa del cambiamento climatico.

Nella vista imparagonabile dall’isola su Lower Manhattan, la memoria del visitatore inserisce inevitabilmente le immagini con le due torri del ex World Trade Center.
West 8 Urban Design and Landscape Architecture

Video

Governors Island

Foto: Timothy Schenck

Renderings: West 8

West 8 Urban Design and Landscape Architecture: „The Hills“, Governors Island.

See also:

 

 

 

 

(14.08.2016)