www.stone-ideas.com

„With real ceramic or real stone (instead of cheap copies), we would probably live in better architectures”

Pibamarmi’s booth at Cersaie 2017. Photo: Pibamarmi

Damiano Steccanella, owner of Pibamarmi, used the company’s booth at Cersaie 2017 to initiate a discussion about material authenticity

In the last years, imitations of natural stone by ceramics or engineered stone have become bigger in size and better in copy quality. Damiano Steccanella from Italian stone company Pibamarmi made the conflict between original and copy the motto of the company’s booth at 2017 Cersaie in Bologna: „Stop Fake – Use the original“ (or „Stop Fake – Choose Natural” respectively as shown on the photo). Cersaie in Bologna is a leading fair for ceramic tiles and bathroom furnishings. Stone-Ideas.com spoke with him about challenging the lion in its den.
 

Stone-Ideas.com: The motto of your booth at Cersaie was „Stop Fake – Use the original“. Whom this message was addressed to?

Damiano Steccanella: Si trattava di un messaggio rivolto ad una platea ampia, di architetti, designer, ma anche di competitors. Nonostante l’epoca contemporanea sia all’insegna della smaterializzazione dei processi digitali è molto interessata alla materia e alle sue caratteristiche naturali. Se tutti producessimo e usassimo vera ceramica o vera pietra vivremmo probabilmente in architetture di migliore qualità.
 

Stone-Ideas.com: Some say it must be forbidden that the ceramic industry produces imitations of natural stone. What is your opinion?

Damiano Steccanella: Non penso che questi temi possano essere affrontati nel mondo globalizzato con norme cogenti, con divieti. Credo che si tratti di un problema di cultura progettuale e produttiva che deve essere risolto con nuove consapevolezze cresciute nel dialogo tra i diversi stakeholders del settore. La provocazione del motto che abbiamo lanciato al Cersaie serviva per iniziare ad agire proprio in questo senso.

Damiano Steccanella (3rd from left) at Marmomacc 2011 together with Kjetil Thorsen (far left) from Snøhetta architects who had designed Pibamarmi’s booth for Marmomacc Meets Design. Photo: Veronafiere

Stone-Ideas.com: In your eyes, which strategy to fight material imitations can be successful: to talk bad about the imitations or to underline the positive aspects and values of natural stone?

Damiano Steccanella: Certamente sottolineando gli aspetti peculiari e positivi della pietra naturale. Questo materiale fornisce agli architetti e ai designer una ricchissima varietà di prestazioni e di qualità estetiche che merita di essere esplorata e portata all’interno del progetto contemporaneo.
 

Stone-Ideas.com: Was there any reaction to your message at Cersaie?

Damiano Steccanella: Tutti i visitatori erano molto colpiti. Si è creato un momento giocoso che ha indotto molte persone a interrogarsi non solo sui materiali degli spazi in cui viviamo ma anche, in generale, sulla finzione e sulla banalita del mondo contemporaneo. Si è attivata così una riflessione più ampia, ad esempio sulla naturalità o l’artificiosità della nostra immagine, nel nostro abbigliamento, o dei nostri corpi.

Pibamarmi

Showing the marble as a material of beauty: Pibamarmi presented the newest collection „Desco“ of designer Vittorio Longheu (we will report in one of our next issues). Photo: Pibamarmi

(06.11.2017)