www.stone-ideas.com

Architettura: tutti i giorni il mare sul programma del gioco

(Aprile 2010) Un terreno da costruire posizionato su un pendio scendente verso il mare deve lasciare libero lo sguardo verso l’orizzonte. Gli architetti turchi Gokhan Avcioglu (GAD) e Dara Kırmızıtoprak (DK) hanno risolto questo compito in modo favoloso nel residence CastleRock a Bodrum, sul Mare Mediterraneo: la forma delle case e la sistemazione verticale saluta il sole quasi ogni giorno con un applauso. Questo impianto assomiglia un po’ ad un auditorio in un teatro amfitico con il mare come palcoscenico

Un collegamento c’è, comunque, con la storia locale. Oggi Bodrum, luogo di villeggiatura e domicilio di artisti sulla costa meridionale della Turchia, possiede un tale luogo di giochi dai tempi antichi.

CastleRock dispone di 16 „posti per gli spettatori“, cioè: case sovrapposte in diverse „file“ sul pendio. Un riparo dagli sguardi dei vicini lo offrono i muri laterali prolungati oltre le verande. Queste sono però interrotte da aperture in modo che gli „spettatori“ possono seguire in modo completo lo spettacolo quotidiano all’entrata ed all’uscita del sole.

I muri in cemento armato sono rivestiti con lastre di travertino, di spessori da 3 a 5 cm. Per tenere bassi i costi tramite la standarizzazione sono stati sviluppati, partendo da un tipo base, tre variazioni di case, le quali sono state adattate alla relativa posizione. Ogni spazio ha una sua piscina e un suo giardino. Gli edifici sono stati eseguiti come bi e tri-familiari.

Il nome CastleRock richiama il castello dei cavalieri di Rodi e le fortificazioni nella città. Nell’antichità, Bodrum si chiamava Alicarnasso e ospitava la tomba del regnante persico Mausoleo. La tomba veniva considerata una delle meraviglie del mondo e dà ancora oggi il nome a monumenti funebri importanti. La città è stata distrutta da Alessandro Magno ed è stata colpita spesso da terremoti. Solo ultimamente è stata riscoperta dal turismo.

Gokhan Avcioglu (GAD)

Dara Kırmızıtoprak (DK)

Foto: Ozlem Avcioglu, Melis Eyuboglu