Più qualità al posto di maggiore crescita

Stone+tec 2013. Photo: NürnbergMesse / Thomas Geiger

(Luglio 2013) A livello mondiale le fiere lapidee nazionali devono combattere con un calo di visitatori e con espositori in diminuzione. Un’eccezione sono la Marble a Izmir e la Stone Fair a Vitória, mentre la mostra in Turchia si è posizionata come piazza commerciale per blocchi grezzi e quella in Brasile è riconosciuta come centro per il fiorente continente latinoamericano.

La Stone+tec di quest’anno a Norimberga (dal 29 maggio al 01 giugno) ha di conseguenza reagito ai persistenti cali dei numeri dei visitatori ed espositori, e si è data un profilo nuovo: il gruppo di mira primario sono da ora in poi i marmisti dai paesi di lingua tedesca, quindi Germania, Austria e Svizzera. Per loro la fiera dovrebbe diventare una tappa obbligatoria, in modo che la mostra rimanga appuntamento obbligatorio anche per gli espositori.

Con un nuovo profilo era andata avanti, a proposito, anche la Marmotec di Carrara, anch’essa che si svolge ogni 2 anni. Essa ha inventato le Marble Weeks (le settimane del marmo) che offrono – quest’anno dalla fine di giugno fino ad agosto – un ricco programma con arte e cultura intorno al marmo locale.

Se questo concetto riporterà indietro a Carrara visitatori ed espositori persi non soltanto nella città ma anche alla Marmotec, si vedrà. Per Norimberga è già chiaro fin da ora che con il concetto nuovo la fiera diventerà più piccola.

Così quest’anno c’è stato un ulteriore calo: sono venuti a Norimberga 19.562 visitatori, secondo il comunicato stampa dell’ente fiera – erano stati 26.146 nel 2011. 699 espositori si erano presentati 2 anni fa – questa volta erano 543.

Willy Viethen, manager responsabile per la Stone+tec, ha comunque una risposta chiara per questo, contenendo una svolta rispetto al diffuso obbligo della crescita: se la Stone+tec diventasse in futuro più piccola, ma migliore, questo sarebbe un vantaggio per tutti gli interessati, così ci ha detto letteralmente.

Per raggiungere questo „migliore“, Viethen si è inventato una novità, una specie di supplemento fiera: i visitatori dovrebbero trovare nei padiglioni oltre alla merce esposta anche delle idee varie e delle soluzioni per il loro lavoro quotidiano.

Così c’era, come di consueto già da tanto tempo alla Coverings o alla StonExpo negli USA, un programma di convegni che fa onore ad essere chiamato tale.

Stone+tec 2015, dal 13 al 16 maggio

(07.07.2013)