Basalto nero pece con disegni decorativi

Nero Sicilia: Si prenda un basalto nero o rispettivamente grigio, si facciano su di esso con la polvere di vetro dei disegni decorativi e si imprimano sulla superficie di pietra infornandolo.

(Luglio 2013) Si prenda un basalto nero o rispettivamente grigio, si facciano su di esso con la polvere di vetro dei disegni decorativi e si imprimano sulla superficie di pietra infornandolo.

Così si fa con il Nero Sicilia.

Nero Sicilia: qui la pietra grigia di natura viene esposta, come nella sua origine vulcanica, ad un calore estremo, e questo lo fa diventare nero pece.

Lo slogan „Born and reborn from fire“ (Nato e rinato nel fuoco) descrive la nascita del Nero Sicilia: qui la pietra grigia di natura viene esposta, come nella sua origine vulcanica, ad un calore estremo, e questo lo fa diventare nero pece.

Per la prima volta, il materiale innovativo con i disegni di vetro variegati è stato presentato durante la fiera Stone+tec a Norimberga alla fine di maggio di quest’anno.

Per la prima volta, il materiale innovativo con i disegni di vetro variegati è stato presentato durante la fiera Stone+tec a Norimberga alla fine di maggio di quest’anno.

Il procedimento sembra semplice, in realtà è però molto complicato. Difatti, per esempio, la temperatura nel forno deve modificare soltanto la superficie della pietra, non cambiarla nel suo interno. Questo scopo viene raggiunto tramite delle sostanze aggiuntive che hanno poi l’effetto positivo di sigillare la superficie del Nero Sicilia.

Il procedimento è stato sviluppato da una squadra intorno a Biagio Amarù della ditta Frama Mosaici.

Le lastre del Nero Sicilia hanno una lunghezza che arriva a 3 m, sono larghe 80 cm e spesse 2 o 3 cm. Con i disegni di vetro, le lastre possono avere una lunghezza di massimo 2,40 m.

I disegni sono dei designer Giovanni Salerne e Massimo Barbini. Biagio Amarù evidenzia comunque che si possono realizzare anche i disegni forniti dai clienti.

Nero Sicilia

Nero Sicilia.

Nero Sicilia.

See also: Il designer turco Mehmet Isıklı modifica il Diabas con l’aiuto del calore.

(12.07.2013)