Il profumo „Statuario“ porta il nome melodico del marmo di Michelangelo

„I Profumi del Marmo“: Arabescato (a sinistra), Calacatta (a destra).

(Novembre 2013) Giochiamo, ancora una volta, all’ indovinello: Caro lettore, che cosa si nasconde dietro ai nomi Statuario, Arabescato e Calacatta?

Corretta solo a metà la risposta che sono tipi di marmo famosi dall’Italia. Infatti, da poco anche tre tipi di profumo portano questi nomi…-e i tappi di chiusura dei flaconcini sono stati prodotti proprio in quei tipi di marmo.

„I Profumi del Marmo“.

Da ricordare: lo Statuario bianco puro è stato apprezzato da Michelangelo per tante delle sue sculture, l’Arabescato è quella variante con le venature scure e il Calacatta dà un’impressione di calore accogliente.

Tutto dei profumi nuovi proviene dalla Toscana: le fragranze sono state sviluppate da un laboratorio di Bologna, allo sviluppo del flacone ha collaborato l’artista Tommaso Iardella di Pietrasanta, il logo del prodotto è stato creato da Nicola Dini da Pisa, e i tappi vengono realizzati manualmente in alcuni studi a Pietrasanta.

La distribuzione si svolge attraverso il portale internet di recente creazione, Tuscany Brand. „Il nostro obbiettivo è quello di sostenere un nuovo rinascimento dell’artigianato artistico italiano”, come ha già detto l’iniziatore Simone Degl’Innocenti.

Sulla pagina web di Tuscany Brand l’artista Chiara Imperiali mostra sotto la rubrica „Marmonia“ dei gioielli in Marmo. Sotto „Wanli“ si vedono dei quadri di Mari Furuakwa su tela e vetro. Giovanna ha inserito degli oggetti decorativi per collo e cintura („Le Cose della Pilù“), e sotto il button „La Chiesa dell’Arte“ si possono richiamare delle sculture di marmo di scalpellini ciechi.

L’idea del profumo di marmo è stata premiata, durante la Marmomacc, con il Premio delle Donne del Marmo. Quest’ultime sono un’associazione di donne che si impegnano da alcuni anni per un impatto femminile più forte nel settore lapideo.

I Profumi del Marmo

Tuscany Brand

Le Donne del Marmo

Foto: Tuscany Brand / idsign

(22.11.2013)