Il nuovo presidente di Wonasa è John-Petter Gundersen dalla Norvegia

Il nuovo presidente Wonasa, John-Petter Gundersen (a sinistra), e il predecessore, R. Veeramani. Una foto dell’ evento della fondazione 2010.

(Novembre 2013) L’organizzazione mondiale Wonasa ha dato nuovi incarichi per la sua posizione più importante e parte del direttivo: il presidente è John-Petter Gundersen (Norvegia), i nuovi vice presidenti sono Abit Yesilkaya (Turchia), Herwig Callewier (Belgio) e Ali Kader (Egitto), rimane il vice presidente Jose Antonio Guidoni (Brasile). Come direttore fungerà in futuro Anil Taneja (Spagna). I segretari sono C. Kaliannan (India), Miguel Fábregues (Spagna) e Paulo Florio Giafarov (Brasile). Il tesoriere è José Antonio Serrat (Spagna).

Questo è quanto è stato comunicato nell’ ambito della fiera di Verona. Con questa costellazione – non vogliamo trattenere qui uno scherzo comune – la Norvegia ha un sovrappeso momentaneo nel settore lapideo: anche da Euroroc, l’organizzazione ombrello delle associazioni nazionali europee, il presidente attuale viene da questo paese scandinavo.

Da Wonasa John-Petter Gundersen segue a R. Veeramani (India), che era il presidente fondatore e si è dimesso dal suo incarico dopo 3 anni di lavoro.

In un comunicato stampa si legge che Wonasa ha attualmente 51 membri provenienti da 17 paesi diversi. Le attività degli ultimi 12 mesi sono state elencate di seguito: la scheda informativa „Do You Know?“ che nomina su due pagine 10 vantaggi delle pietre naturali ed esiste in 8 lingue; Wonasa era anche presente con degli stand su fiere lapidee a Vitória, Xiamen, Mosca e Verona; alcuni membri hanno partecipato come relatori davanti ad una platea di architetti polacchi durante un evento a Varsavia; è stata creata una guida delle pietre naturali per architetti e designer che verrà pubblicato a breve anche in forma digitale.

Wonasa ha anche sostenuto metà delle spese di una ricerca Euroroc. In questa ricerca con il titolo „Hard Floor Coverings. A comperative study“ si paragonano tra di loro alcuni materiali per pavimentazioni, offrendo al consumatore un aiuto obbiettivo per decidere. Viene evidenziato che ogni materiale – sia piastrella di ceramica sia l’ engineered stone, per esempio – ha la sua validità in base ai gusti del consumatore e in base alle condizioni sul posto, ma che le pietre naturali „meritano l’Oscar quando contano valori come rispetto per la natura e sostenibilità ambientale”.

Prossimamente presenteremo la ricerca in modo approfondito indicando anche dove poterla ordinare.

Wonasa

(24.11.2013)