www.stone-ideas.com

Juma Exclusive: „Tuning“ per le pietre naturali tramite design e altri materiali

„Jutable“: tavolo in massello con piede in acrilico e linea fiamma.

„Juma Exclusive“, così si chiama il marchio di design con il quale la tradizionale impresa tedesca Juma vuole conquistare il mercato da un anno a questa parte. La particolarità di questo marchio è il fatto che non vengono semplicemente creati degli oggetti per l’abitare, ma il cliente può partecipare alla decisione legata alla produzione. „Natura su misura“ è la parola d‘ordine: si possono selezionare numerosi tipi di pietra naturale, per questo ci sono poi tanti tipi di superfici diverse e, in più, ci sono dei materiali supplementari come l’acrilico (in diverse variazioni) o l’acciaio inox.

Con la parola „Tuning per pietre naturali“ il direttore di Juma, Michael Holzäpfel, descrive brevemente il concetto: come nell’industria automobilistica, dove il cliente può scegliere già da tanto tempo le decorazioni per la sua vettura, l’arredo degli interni e accessori come dei cerchioni particolari, anche in questo caso la pietra viene completata, oltre al suo valore come materiale, anche tramite le opzioni di design e i supplementi.

Per il nome aziendale Juma si potrebbe allora ipotizzare, quindi, un aggiornamento del tipo Youjuma, liberamente secondo il canale video Youtube.

Il background è che nel settore della merce esclusiva un determinato gruppo di clienti desidera in modo crescente una certa individualità. Un tale tuning è comunque nuovo per le pietre naturali, anche se l’idea di base, cioé quella di conferire un plusvalore al materiale attraverso il design, è un trend nel settore già da circa 10 anni.

Da ricordare: a partire dagli anni 60 del secolo scorso erano innanzitutto gli architetti ed artisti italiani e spagnoli ad affrontare questo argomento.

„Jumamba“.

Ora Juma Exclusive raggiunge in modo contemporaneo alla fiera Bau di Monaco (dal 19 al 24 gennaio 2015) e alla IMM Cologne a Colonia (dal 19 al 25 gennaio 2015) il suo, per così dire, secondo livello di lancio spaziale. Il primo lancio era stato fatto l’anno scorso: era quella combinazione di doccia e bagno chiamata „Jumamba” – denominata seconda la forma di un serpente velenoso minaccioso – con la quale la ditta era riuscita a creare un grande eco mediatico. Però, quasi nessuno si era aspettato seriamente che un pezzo del genere potesse essere venduto.

Ora sono stati presentati degli oggetti meno spettacolari per l’abitare e il bagno. Oltre alle possibilità di scelta di materiali e lavorazioni sono personalizzabili anche le misure di questi pezzi. Eseguendo questi lavori nella stessa azienda, l’impresa tradizionale vuole riprendere il collegamento verso la manifattura.

„Jubasin“: lavandino con acrilico.

Ci sono anche delle particolarità tecniche, come per esempio lo scarico dell’acqua invisibile in „Jubasin“.

Il tuning ha comunque i suoi limiti, esattamente come nel caso della macchina: idee dei clienti troppo pazze non verrebbero eseguite, così dice Michael Holzäpfel durante la conversazione. Difatti, non si vuole danneggiare né il marchio della casa madre né della nuova linea di design.

Per i nuovi oggetti il team di design di Juma Exclusive Design ha collaborato con Torsten Müller (Bad & Spa Design Torsten Müller), Daniel Helm (Helm Design) e Horst Zerres (ZerresPur!).

Le foto mostrano oggetti che sono stati prodotti con la pietra calcarea Jura della ditta.

Juma Exclusive

Foto: Juma Exclusive

„Jucascade“: parete doccia con ripiano in legno teak. Nei fori regolari possono essere inseriti, tra le altre cose, le armature della doccia o dei punti luce LED.„Juwall“: parete di calore con riscaldamento elettrico da dietro, in modo che la pietra abbia un effetto di magazzino di calore. Con linea fiamma o con porta asciugamano.„Juspring“: lavandino autoportante.

(09.02.2015)