www.stone-ideas.com

Pietre naturali come tessuto cucito ad altissima precisione

Lawrence Steele, Marsotto Edizioni: „Steele on Marble“.

Cosa succede quando un’impresa lapidea e un designer di moda si mettono insieme per sviluppare dei prodotti per la vita quotidiana? La risposta la dà una nuova collezione „Steele on Marble“ (Steele sul marmo), per la quale si sono messi insieme la azienda italiana Marsotto Edizioni e il designer Jet-Set originario dagli USA che lavora a Milano, Lawrence Steele: ci sono dei dettagli nei tavoli come nonsi sono mai visti in pietra naturale, e che sono stati anche una sfida impegnativa per gli artigiani.

„E‘ stata una sfida per entrambe le parti“, questo lo si poteva apprendere al Fuorisalone nel centro di Milano, dove la collezione è stata presentata in aprile per la prima volta.

Per esempio, i piedi dei tavoli con il nome „Closer“ (Più Vicino): si mettono due strati uno sopra l’altro in modo che si crei una specie di tasca con un lato interno ed esterno.

Per esempio, i piedi dei tavoli con il nome „Closer“ (Più Vicino), sono stati eseguiti come lastre e composti in modo da svilupparsi a punta – questo lo si conosce. Ma poi si aggiunge qualcosa, che solitamente viene fatto soltanto con i tessuti: si mettono due strati uno sopra l’altro in modo che si crei una specie di tasca con un lato interno ed esterno.

La base di „Closer“ ci ha ricordato di conseguenza la tasca di una gonna: scura negli interni, perché non si può guardare dentro, esternamente chiaro come potrebbe essere il tessuto del capo di abbigliamento.

Per mettere insieme l’interno e l’esterno, lo strato del marmo chiaro è stato abbassato fino ad uno spessore sottilissimo, incollandolo sulla pietra più spessa e scura.

Per mettere insieme l’interno e l’esterno, lo strato del marmo chiaro è stato abbassato fino ad uno spessore sottilissimo, incollandolo sulla pietra più spessa e scura. Anche questo gli operatori della pietra di solito non lo fanno. Una delle sfide sta in questo caso nella punta del triangolo, là dove la tasca si congiunge con i complessivamente 4 dischi in modo pulito e praticamente senza una cucitura che si sfasa.

Mentre il designer di moda si è evidentemente rifatto per „Closer“ dai tessili, è stata ispirazione per „Jim“, „Sid“ e „Lou“ la musica dei decenni passati.

Mentre il designer di moda si è evidentemente rifatto per „Closer“ dai tessili, è stata ispirazione per „Jim“, „Sid“ e „Lou“ la musica dei decenni passati – bisogna aggiungere mentalmente Morrison, Vicious e Reed.

Particolari sono qui nuovamente i piedi del tavolo. Il loro modello sono i High Heels.

Particolari sono qui nuovamente i piedi del tavolo. Il loro modello sono i High Heels.

Anche qui il marmo bianco è un Bianco di Carrara, quello nero un Nero Marquina. Le superfici sono levigate anche in questo caso.

Anche qui il marmo bianco è un Bianco di Carrara, quello nero un Nero Marquina. Le superfici sono levigate anche in questo caso. Le opere sono disponibili in diverse misure.

Lawrence Steele (davanti); fila centrale: Maddalena Casadei (sinistra) e Marialaura Rossiello (destra), entrambe Studio Irvine; dietro: Francesco Marsotto (sinistra), Mario Marsotto (al centro), Costanza Marsotto (destra).

Il progetto è stato realizzato in cooperazione di Lawrence Steele con Studio Irvine come Art Director e i titolari dell’azienda Costanza e Mario Marsotto.

Marsotto Edizioni

Foto: Miro Zagnoli

See also:

 

 

 

 

(05.05.2015)