www.stone-ideas.com

Riqualificazione del Queens Quay di Toronto: pavimentazione stradale con foglie di acero

Toronto ha rinnovato e riclassificato il lungo lago del Lake Ontario in modo impegnativo.

C’è stata della critica per il fatto che fosse stato scelto del granito per la pavimentazione. La giustificazione dell’amministrazione comunale si legge come se fosse presa da una brochure pubblicitaria del settore delle pietre naturali: „E‘ una questione di qualità del design”, così ha detto il CEO dell’ente Waterfront Toronto. „Ci si può considerare fortunati se una volta in cento anni c’è l’opportunità di rifare il proprio lungo lago – ma allora bisogna farlo bene“

Per il marciapiede più largo sul lato dell’acqua, gli architetti hanno preso la sagoma della foglia dell’acero canadese come elemento creativo.

La „Waterfront“ corrisponde in questo caso alla linea del lungo lago di Toronto con il Lago Ontario. Il progetto chiave nell’ambito della rispettiva riqualificazione era la modernizzazione del Queens Quay, che si sviluppa per ca. 2 km lungo l’acqua. Si dice che i numeri dei visitatori possano competere in questo caso con quelli della Copacabana di Rio.

La Toronto Waterfront prima della riqualificazione. Foto: West8La Toronto Waterfront prima della riqualificazione. Foto: West8

I lavori si sono protratti per tre anni. A giugno 2015, la strada è stata consegnata al pubblico. Invece del taglio del nastro effettuato dai politici, i cittadini hanno sventolato un lungo nastro azzurro.

La progettazione paesaggistica è stata fatta dallo studio olandese West8 in collaborazione con i colleghi canadesi di dtah architects.

Le misure in breve: oltre ad un rinnovamento completo delle condotte nel sottofondo, le precedenti 4 corsie per le macchine sono state ridimensionate a 2, un tram passa sulla Boulevard e una pista ciclabile e i marciapiedi sono stati allargati. Oltre a questo, sono stati piantati più di 200 alberi.

Gli architetti sono riusciti ad allargare le zone per i pedoni utilizzando i così chiamati 3 WaveDecks ormai diventati famosi: ...... Essi coprono piccole sezioni dello specchio d’acqua limitrofe, hanno la forma di onde, sono coperti con tavole di legno e lasciano spazio per passeggiare o semplicemente per sedersi.

Gli architetti sono riusciti ad allargare le zone per i pedoni utilizzando i così chiamati 3 WaveDecks ormai diventati famosi: essi coprono piccole sezioni dello specchio d’acqua limitrofe, hanno la forma di onde, sono coperti con tavole di legno e lasciano spazio per passeggiare o semplicemente per sedersi.

La pavimentazione in granito per i marciapiedi da entrambi i lati della strada è stata impegnativa. E’ stato utilizzato del granito locale (circa 2,5 milioni di pietre posate a mano), cioè il rosso Royal Canadian e il bianco San Sebastian. Entrambi i tipi provengono dalle province del Quebec e sono stati forniti dalla ditta Polycor.

Lungo la pista ciclabile le pietre hanno una superficie ruvida.

Per il marciapiede più largo sul lato dell’acqua, gli architetti hanno preso la sagoma della foglia dell’acero canadese come elemento creativo.

Alcuni dettagli tecnici:
* la posa in opera è stata eseguita in modo verticale in direzione del cammino dei passanti;
* i contorni delle foglie sono stati evidenziati con del granito bianco;
* nel suo interno, la pavimentazione ha una direzione inclinata di 45 gradi;
* la superficie delle pietre è stata tagliata a getto d’acqua e fiammata;
* lungo la pista ciclabile le pietre hanno una superficie ruvida.

Particolare attenzione è stata posta al fatto di poter camminare piacevolmente sulla pavimentazione stradale anche con i tacchi alti. Nelle prove effettuate è emerso che la larghezza delle fughe non dev’essere superiore ai 1,2 cm. Le fughe sono state riempite con sabbia polimerica. I lavori di posa sono stati eseguiti da shot Landscape Contractors e dall’appaltatore UCC and JC Paving.

Complessivamente, le spese per la riqualificazione del Queens Quay ammontavano a 128,9 milioni di dollari canadesi. Di questi, 11,9 milioni di dollari erano da attribuire a 21.245 m² di pavimentazione stradale e cordoli.

La posa in opera è stata eseguita in modo verticale in direzione del cammino dei passanti.Toronto Waterfront.

Le spese sono aumentate di ben 35 milioni di dollari durante i lavori. Le pietre naturali vi hanno contribuito con 4,4 milioni di dollari, fra le altre cose perchè la zona con il granito è stata allargata. Un ulteriore giustificazione da parte dell’amministrazione di Toronto è stata quella che a causa del boom dell’edilizia a Toronto le spese per il granito sarebbero aumentate velocemente, come scrive il giornale Toronto Sun.

Waterfront Toronto

Video dell‘inaugurazione

West8

dtah architects

Polycor

Techniseal

Toronto Sun

Foto: Nicola Betts

See also:

 

 

 

 

(13.08.2015)